Cestudis.it | CENTRO STUDI DIFESA SICUREZZA

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Home Collaborazioni Prof. Dr. Antonio Clemente Domenico PANAINO

Prof. Dr. Antonio Clemente Domenico PANAINO

E-mail Stampa PDF

Prof. Dr. Antonio Clemente Domenico Panaino
Docente dell’università di Bologna
Direttore Is.I.A.O. sezione Emilia Romagna e direttore dei corsi di formazione  operatori di pace

Nato a Busto Arsizio (VA), il 24 luglio 1961, studia a Milano, presso il Liceo Classico A. Manzoni, si laurea in corso con il massimo dei voti e Lode (21/6/1984) presso la Facoltà di Lettere dell’Università Statale di Milano (con Giuliano Boccali), vince successivamente una Borsa di Studio della Fondazione Confalonieri (Milano, 6/11/1985); svolge il servizio militare come S.Tenente (Scuola di Fanteria e Cavalleria, Cesano), poi consegue l’ammissione al II ciclo di Dottorato di Ricerca in Studi Iranici (Orientale di Napoli; 30/5/1986). In questo periodo, sotto la guida di Gherardo Gnoli, studia l’innologia avestica e la tradizione astrale nel mondo iranico e vicino orientale, lavorando con Ilya Gershevitch (Università di Cambridge) e Jean Kellens (Università di Liège; poi Collège de France). Allarga i suoi interessi ad altri domini del mondo iranico antico e tardo antico, sia in ambito linguistico (antico persiano, pahlavi, sogdiano, partico, etc.) sia moderno (neo-persiano: Diploma Is.IAO, 1989), sia storico-religioso (Zoroastrismo, Manicheismo, Cristianesimo duofisita d’Asia centrale). Diviene prima professore associato di Filologia Iranica presso l’Università di Bologna (1-11-1992; regolarmente confermato nel 1996), Facoltà di Lettere, poi straordinario (1 ottobre 2000). Nel 1998 ha ricevuto dall’Accademia di Francia il Premio “R. et T. Ghirshman” per gli Studi Iranici.

Nel settembre 1999 è stato eletto Presidente della Societas Iranologica Europaea durante la IV Conferenza di Studi Iranici (Parigi), mandato che si è concluso nell’ottobre 2003. Dal 1999 si è dedicato alla costituzione di una Sezione Emilia-Romagna dell’Is.I.A.O.(1), della quale è attualmente il Direttore. Viene eletto Preside della Facoltà di Conservazione dei Beni Culturali (Unibo, sede di Ravenna) per il triennio 2002-2005 e rinnovato per il triennio successivo. Dal 2003 è Professore Ordinario nel settore disciplinare L-OR/14 Filologia, Religioni e Storia dell’Iran. È membro del collegio dei Docenti del Dottorato di Ricerca Società, Regalità e Sacerdozio nei secoli IV - XIV (Università di Bologna — Sede di Ravenna), oggi denominato “Bisanzio e l’Oriente”. E’ stato il coordinatore nazionale del Progetto ex 40% “Interculturalità e Interazione culturale, storico-politica e religiosa tra Oriente e Occidente dall’Antichità all’Alto Medioevo” (sedi universitarie partecipanti, Ravenna, Bologna, Roma, Venezia, Catania, Napoli). Nominato “Evaluator” dall’Accademia delle Scienze di Vienna, con l’incarico di valutare tre diverse strutture di ricerca a carattere orientalistico ed antropologico incardinate presso la stessa istituzione.

Il Prof. Panaino è, inoltre, divenuto membro delle seguenti istituzioni ravennati: Consiglio di Amministrazione del Museo d’Arte della Città; Consiglio di Amministrazione del Ravenna Festival; Consiglio scientifico della Fondazione RavennAntica; Socio fondatore degli Amici di RavennAntica. È inoltre membro del Comitato d’Indirizzo della Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna, di cui attualmente dirige la Commissione ricerca, che si occupa soprattutto del settore medico-scientifico.

Inoltre, è stato designato dal Rettore dell’Università di Bologna come Membro delle Giunta degli Esteri dell’Ateneo, e poi come responsabile dell’area vicino-orientale del Dipartimento Relazioni Internazionali della stessa università. E’ inoltre stato nominato dal Senato Accademico come membro della Commissione VI di Ateneo (Rapporti con gli enti esterni).

Svolge la funzione di Direttore della Sezione Emilia-Romagna dell'Is.I.A.O. e di Direttore della Scuola di Operatori di Pace della Provincia di Ravenna, che si svolge in sinergia con la Regione Emilia-Romagna ed i Comuni di Ravenna, Cervia, Bagnacavallo, Faenza, Lugo. Nell’ambito delle iniziative Is.I.A.O. ha inoltre dato vita ad una serie di iniziative di collaborazione con la Questura di Ravenna, organizzando di concerto con la Polizia di Stato ed altri corpi militarizzati dello Stato Italiano e delle amministrazioni territoriali (compresa la Repubblica di San Marino) una serie di seminari di aggiornamento professionale dedicati ai temi dell’immigrazione e della multiculturalità.

Oltre all’attività strettamente linguistico-filologica e storico-religiosa nel dominio iranologico (diverse le monografie e qualche centinaio gli studi specialistici sul settore), ha svolto una notevole azione di partenariato sia con altri enti esterni, come le Forze di Polizia etc. (Scuole di Pace e moduli addestrativi sulla pace e l’Oriente), con lo Stato Maggiore dell’Esercito (a tale proposito è promotore di una Summer School dell’Ateneo di Bologna, intitolata “La tutela dei Beni Culturali nelle aree di crisi e nelle zone di combattimento”, che si è svolta nell’aprile 2008 presso l’Accademia Militare di Modena), con Comuni e Province. Dirige inoltre una missione etnolinguistica dai forti caratteri umanitari in Tajikistan, presso la Valle dello Yaghnob.

E’ membro delle seguenti associazioni accademiche e scientifiche:

- Accademia delle Scienze di Bologna (socio corrispondente).

- Accademia Peloritana dei Pericolanti (Messina).

- American Oriental Society.

- Associazione Biblica Italiana (Roma).

- Association pour l’avancement des études iraniennes, Paris.

- Associazione Italia - Russia. Bologna (membro del direttivo).

- International Association of Manichaean Studies.

- International association for Intercultural Studies of the Melammu Project. (Chairman).

- Istituto Gramsci (Bologna).

- Istituto Italiano per il Medio ed Estremo Oriente. Roma (Socio ordinario, direttore della Sezione Emilia-Romagna, membro del Direttivo della Sezione Lombarda).

- Philological Society (London).

- Royal Asiatic Society (London).

- Societas Iranologica Europaea (di cui è stato il Chairman).

- Società degli Orientalisti.

- Società Italiana di Glottologia.

- Società Italiana di Storia delle Religioni (membro del direttivo).

- Société Asiatique (Paris).

- Sodalizio Glottologico Milanese (Milano).

È Autore di 10 libri, di 148 Articoli, DI 22 prefazioni e pubblicato N.29 articoli su enciclopedie Italiane e straniere e n.31 recensioni.